Warning: strpos(): needle is not a string or an integer in /web/htdocs/www.creazioni-or.it/home/blog/index.php on line 31

Warning: strpos(): needle is not a string or an integer in /web/htdocs/www.creazioni-or.it/home/blog/index.php on line 37
Creazioni Artigianali Or
PerchŔ lo fai? 
PerchŔ lo fai?

Una domanda che mi hanno fatto spesso, da sempre.

Quando ti fai carico di tante azioni, che potrebbero fare gli altri, che ti schiacciano per responsabilitÓ e peso, quando basterebbe lasciar stare e guardare da un'altra parte pensando a te, te la poni la domanda anche tu.

Va tanto di moda ora pensare a se stessi, al proprio tornaconto, un inno all'egoismo personale, finalizzato a farti credere, che se pensi solo a te stessa non avrai problemi e tutto filerÓ liscio.

Ci credo nel bisogno umano di renderci felici, fare quello che sentiamo, circoscrivere le necessitÓ ai propri bisogni, sacrosanto mettere limiti invalicabili, ma se guardi altrove in nome del proprio io spesso ti trovi come si dice dalle mie parti "con il culo per terra".

Spesso me lo chiedo anch'io perchŔ lo faccio, ma ti guida quel qualcosa che ti porti dentro per dna o per ricordo ancestrale.

Ho messo sempre al primo posto il rispetto per i genitori, la famiglia a cui badare, poi la passione per quello che amo. Di tempo per me, per il mio egoismo personale, quasi niente eppure se ho superato tutto nella vita, con il sorriso Ŕ dovuto al fatto che il dare Ŕ tornato in misura maggiore di quello che avevo donato.

Adesso la domanda me la pongono spesso per la maglieria come a sperare che molli presto, che lasci tutto, come Ŕ stato altre volte per altre situazioni.

Non lo so perchŔ lo faccio realmente di donare ore al giorno ad una passione che solo io vivo con tanto ardore, ma forse Ŕ proprio l'ardore che provo per quello in cui mi impegno nel momento a farmi sentire a posto con la mia coscienza.

La mia Ŕ un altissima forma di egoismo se vogliano, perchŔ realmente non lo faccio per gli altri, in ogni campo, lo faccio per sentirmi bene io perchŔ questo Ŕ il mio scopo di vita, aiutarmi a vivere mostrandomi quello che posso fare e raggiungere.

Se a quello che faccio dovessi dare un valore monetario, avrei fallito alla grande, ma ci sono azioni che non possono avere un valore in denaro come sentirti bene a fine giornata, pensando che non ti sei risparmiata, che non hai barato con te stessa; Ŕ altamente gratificante e dormi le tue 8 ore come una bambina piccola, protetta dall'amore dei genitori, la mia protezione si chiama essere in pace con l'universo.

Ora lo so perchŔ alla fine faccio cose che nemmeno vorrei fare, che so di partenza che porteranno lavoro e di cui spesso non vedr˛ i risultati, ma lo faccio per quel piacere sottile di fine giornata quando sei in pace con tutto e tutti.

Quando guardo qualunque cosa che faccio dopo aver finito mi chiedo chi mai capirÓ quanto lavoro c'Ŕ dietro, ma nell'attimo in cui ti poni la domanda pensi anche alla risposta, lo sai tu e quello fa la differenza.

Una volta mi serviva l'applauso degli altri, sempre in lotta per farmi riconoscere un valore alle mie azioni, ora non serve pi¨ da parecchio tempo, mi serve il mio di applauso, fatto con sinceritÓ senza mentirmi.

Alle volte per quello che supero mi viene in mente di alzarmi anche in piedi e farmi la ola da sola.

Stai attenta per caritÓ diceva mia nonna chi si loda si sbrodola, nel senso che riempirsi la bocca di lodi a se stessi alla fine e' come bere troppo brodo e il liquido che esce dalla bocca ti sporca.

Io non mi lodo, io riconosco a me stessa di avere la forza ed applicarla per donare tanto a chi mi circonda, in un tempo in cui e' tutto uno sbrodolarsi dell'umanitÓ, mi concedo il lusso di dirmi che sono brava in qualcosa.

Serve tutto nella vita, il riconoscimento di quello che fai senz'altro Ŕ necessitÓ ma tanto muori lo stesso sia con l'osannamento che nell'indifferenza, Ŕ come vivi con te stesso che fa la differenza.

Mi ascolto, seguo quello che provo e vado avanti, perchŔ ognuno di noi sa realmente dentro di se perchŔ Ŕ in questa vita e perchŔ, devi solo arrivare a scoprirlo.

Ogni tanto penso che Ŕ quasi finito il mio viaggio almeno la parte attiva, poi mi dico che realmente finirÓ quando io non avr˛ niente altro da dirmi, ma per ora non Ŕ ancora il tempo ma corro frenetica perchŔ so che a breve si passerÓ all'ultima fase, quella del decadimento fisico per lasciare il vestito sulla sedia, ma fino ad allora me la succhio la vita come una dolce caramella.

Dolore, gioia, attimi di pace assoluta, attimi duri lancinanti che ti spezzano le certezze, ho imparato a prendere forza dagli attimi buoni per sopportare i lunghi momenti duri e vado avanti Ŕ il mio gioco nella vita, senza perdere mai le speranze che tutto abbia un senso.

PerchŔ lo fai? Io lo so, qualunque cosa faccia Ŕ perchŔ ascolto il mio cuore con tanta attenzione a quello che dice la mia mente e vafo avanti.

Volevo chiudere con lo scrivere di maglieria, di mettere in video, tempo inutilmente sprecato mi sono ripetuta negli ultimi anni, a nessuno interessa sapere, solo guardare per curiositÓ, alla fine non ho smesso semplicemente perchŔ a me interessa lasciare quello che ho imparato fra lacrime e sudore per rendere pi¨ facile la vita agli altri, non per loro ma perchŔ fa bene a me stessa.

Si pu˛ essere sterilmente egoisti e generosamente egoisti, tutto sta a cosa senti nel tuo cuore, io nel mio piccolo continuo a vivere come sento e lo faccio per questo :)






[ commenta ]   |  permalink  |  riferimento  |   ( 2.9 / 219 )
Sono invisibile? 
All'improvviso me lo sono chiesta quando continuo a ricevere richieste di come si lavora a macchina, se faccio lezioni private sull'uso della macchina.

Uso tutti i canali provo a dire a tutti guardate che ho scritto guide, avete un sito come pochi altri negli altri paesi del mondo.

Se io ne trovassi uno sul telaio come quello che ho creato io dal nulla sulla maglia a macchina saprei fare l'inverosimile ed invece non c'e'.

Provo l'ultima esperienza poi mi arrendo e sul serio passo al telaio perchŔ io so di non essere invisibile so anche che piace guardare, curiosare non fare per riuscire, ultimo tempo per me nella maglia a macchina dopo divento invisibile perchŔ avremo raggiunto l'apice e c'e' discesa eD io nella discesa non voglio esserci.

Amo tanto questo mondo che in un attimo un filo prende vita, un progetto semplice nasce in pochi minuti molte ore se complesso ma di base devi sapere come fare e a sMuoverti ci deve essere o l'interesse monetario oppure la passione.

Lo sento a pelle che sta finendo, per informazioni frammentarie prese qua e la e allora prima di arrendermi mi sfido e trascino ancora verso il come si fa.

Ad anno nuovo sapr˛ se devo arrendermi ma combatto per ora perchŔ chi segue e fa mi fa sentire utile e supportata nello sforzo e mi spinge a dare di pi¨!

E andiamo avanti!



[ commenta ]   |  permalink  |  riferimento  |   ( 3 / 262 )
Sono a casa 
Sono a casa e vedo la maglieria in maniera diversa, serenamente lavoro 6 ore al giorno per costruire una base uguale per tutti quelli che avranno voglia di fare.

A scuola si urla ai figli di fare i compiti, per il terrore che quello che hanno appreso in classe si dimentichi, una prova per aiutare il cervello a creare il cassetto delle informazioni applicate da non dimenticare.

Il sistema vale per tutto, non ha senso leggere solamente per capire devi applicarlo e questo e' il mio nuovo scopo perchŔ nell'arte della maglia a macchina si riesce nella misura in cui si fa.

La cosa che mi ha sempre fatto sorridere Ŕ il rifiuto di leggere e il bisogno di vedere per capire, ma le due cose non possono scindersi, se vuoi riuscire.

Alle volte odio internet e le troppe informazioni hanno convinto tutti che vedendo si sa fare...magari fosse vero.

Una nuova sfida che mi ha ridonato le energie tolte dall'andare in giro a mostrare la maglieria nei social.

Parole, parole, centinaia, migliaia, forse miliardi di parole spese a rispondere a domande a quesiti personali mi hanno totalmente tolto la voglia di fare.

E' come a casa, quando tutti contano su di te, dal calzino che non trovano nel cassetto ed a un passo dall'occhio, al come mai non c'Ŕ acqua in frigo e alla fine a forza di servire tutti, ti perdi e poi capisci che non hai responsabilizzato ma servito.

Ho chiuso tutto, sono tornata nel mio sito, scomparse le migliaia e migliaia di persone, ma rimaste le poche che ti stimano e sopratutto quelle disposte a fare e tutto di nuovo prende vita e tornano le energie.

Un viaggio al contrario, 10 anni fa sono andata a parlare di maglieria a tanta gente ma per fare ce ne vuole poca alla volta e motivata.

Il verbo fare dominerÓ i miei prossimi anni nella rete se ci sarÓ ancora perchŔ niente Ŕ certo.

Mi intriga mostrare le forme di base dei grafici, perchŔ senza un grafico non fai maglieria ma se non lo sai leggere e non sai come si fa, non vai da nessuna parte.

E cosý nella quiete di un sito, dove non c'Ŕ spazio per l'intrigo, la maldicenza, le gelosie, le invidie sento fluire nuove energie, si cambia il mondo con poche persone alla volta, che condivdono con te la gioia di voler apprendere.

Per fare maglieria e spiegarla on line devi avere infinita pazienza anche per partecipare ad un laboratorio e quello sulle forme diventa una guida perchŔ sempre dell'idea che le immagini le puoi perdere, le parole restano.

Mi sono rigenerata in una settimana, grazie alle persone che erano lý pronte a dirmi...che dobbiamo fare?

Tutta la mia vita futura maglieristica nella rete sarÓ all'insegna di mostrare per fare, se non interessa io far˛ da sola a casa mia quella fisica con un tetto, perchŔ non fai se non sai, ma non sai se non fai!

Forma a triangolo e si va avanti!




[ commenta ]   |  permalink  |  riferimento  |   ( 3.1 / 242 )
Macchina o telaio? 
6 anni fa lo stesso giorno di oggi, imiziava il calvario, che in una settimana stravolse e distrusse la mia vita.Perdere la persona che ami di pi¨ al mondo, non e' un trauma che superi facilmente, se l'ho fatto almeno in parte, lo devo alle responsabilitÓ anche nel mondo della maglieria che avevo creato.

Le batoste della vita degli ultimi 6 anni avrebbero inginocchiato e annientato chiunque, sono state troppe per una persona sola, ma sono andata avanti perchŔ a nessuno permetto di distruggere quello che ho costruito al massimo lo distruggo da sola.

La famiglia e' l'ereditÓ di un uomo e l'onorato portando come ci eravamo ripromessi il peso da sola.

Ora in discussione c'e' la maglieria, un viaggio durato 15 anni, imfinite persone incontrate tantissime belle dentro, alcune meglio evitarle, altre di cui non c'e' pi¨ traccia.

La maglieria e' come la sartoria solo un po' pi¨ complessa non hai cartamodelli, ma grafici a cui applicare un campione devi trasformare misure in giri e numero di maglie puoi farlo in vari modi ma e'il vero scoglio da superare se ci riesci sei dentro, hai la passione o vuoi crearti un lavoro.

Io lo so che la maglieria mi piace tutti sanno smacchinare e' come imparare ad andare in bicicletta, qualche attimao di sbandamento, ci vogliono le rotelle, poi si tolgono e si va, io so andare in bicicletta ma non ho mai fatto il giro d'Italia ma quello nel web Ŕ stato peggio.

Ultimo giro nel forum 5 laboratori il mio ultimo giro per mostrare a chi inizia e che almeno sappia fare il rasato e poi se non vedo risultati o partecipazione vado a fare il telaio al 31 dicembre lo sapr˛ e chiuder˛ tutto o metter˛ tutto in stallo e passo davvero ad blog per il telaio.

Non sar˛ io a chiudere perche' io non mollo mai solo che non ci sarÓ stato nessuno a volere sapere invece di fare per giocare.

Mi costa ogni laboratorio 8 ore al giorno di lavoro per amore per rendere alle macchine quello che hanno dato a me, la forza per superare le difficoltÓ della vita ma senza rimpianti chiudo tutto se non funziona.

Un post su Fb carino dice che una donna che dichiara la sua vera etÓ e' pericolosa perche' capace di tutto...io ho 62 anni!:)





[ commenta ]   |  permalink  |  riferimento  |   ( 3 / 265 )
Un lungo viaggio 
Nel 2009 si parlava nei commenti di questo blog io e le mie amiche di maglieria, troppo lento e i figli sul social nato da poco mi raccontavano della velocitÓ di comunicare e ho convinto tutti e aperto il primo gruppo di maglia a macchina, ieri l'ho chiuso o meglio e' lý ancora per un p˛ a ricordare nel social che io ci sono stata.

In quasi 10 anni ho creato un mondo di persone in movimento, ho dato tanto tantissimo senza risparmiarmi con i lutti e tutto quello che ne comportava, mai smesso di dare e alla fine ho capito che ero vuota e che erano solo parole che passavano e non rimanevano e ho capito che era finito il viaggio.

Sono di nuovo qui con la maglieria risvegliata a preparare una nuova stagione dove tutto rimarrÓ anche se io dovessi andare a giocare con gli angeli.

Punto e a capo si costruisce un nuovo mondo maglieristico e sono grata al cielo per avermi concesso un viaggio nel bene e nel male incredibile ma ora si lavora e' finito il tempo del mostrare per chi vuole c'e' il fare, perche' la maglieria e' fare non solo guardare ...almeno secondo me.

E mentre creo nuovi mondi continuo a fare video per l'area dedicata alla nuova guida.



[ 1 commento ] ( 16 visite )   |  permalink  |  riferimento  |   ( 3 / 238 )

Indietro Altre notizie