Warning: strpos(): needle is not a string or an integer in /web/htdocs/www.creazioni-or.it/home/blog/index.php on line 31

Warning: strpos(): needle is not a string or an integer in /web/htdocs/www.creazioni-or.it/home/blog/index.php on line 37
Creazioni Artigianali Or
Una calda mantella 
E' nata come voleva lei ha guidato fin dal primo pezzo ed io volevo un'altra cosa, ma i modelli come la vita vanno come vogliono molto spesso.

Ho lavorato a vuoto mi dicevo ma volevo capire come finiva che si era messa in testa di essere, ed in teoria è tempo di risveglio nel senso maglieristico, so quello che mi serve ma a condurre il gioco come la mantella e' la vita.

Sono come al secondo pezzo della mantella quando ho capito che prendeva forma nonostante io non sapessi cosa ne voleva nascere, ogni mia energia e' ferma a tenere d'occhio come vanno le cose al Ristorantino del terzo figlio perchè in base a come andranno si deciderà anche la mia di vita.

Niente progetti lascio che la vita scorra e crei i suoi pezzi io mi limito come per la mantella ad assemblarli ma decisamente come ruolo mi sta stretto ma non posso farci niente così è!



[ commenta ]   |  permalink  |  riferimento  |   ( 3 / 440 )
I vicini hanno ragione 
La TV che parte alle 6 con il timer come sveglia e' da incazz.... con quelli del Ristorantino che dormono da me ma il risultato e' che alle 6 mentre la signora batte forte sul soffitto si attacca al campanello, il cane abbaia l'unica a dover scendere dal letto sono io e si hanno ragione loro ma pago sempre io.

Sono stanca di fare la brava donna e pago anche per gli errori degli altri sempre, mi sono strarotta anche quando hanno ragione i vicini oggi gli mollo un po' di volantini del Ristorantino così se gli mandano un pò di gente forse fanno prima ad andarsene di casa e non fanno i bamboccioni come dice l'Ansa oggi e a quel paese pure loro come se fosse una libera scelta rimanere con i genitori per qualcuno credo che lo sia ma ci sono genitori che pregano che i figli escano di casa ed io sono uno di quelli.

Parliamone di figli bruciati giovani che non possono prendere una strada, mantenere una casa da soli costa più di quanto prendano di stipendio ammesso che un lavoro lo si trovi sicuro per poterlo fare, prima volevano la mobilità sul lavoro poi si lamentano se le cose sono andate ai rovi.

Sono in piedi con la convinzione che siamo arrivati tutti fuori come balconi che basta un niente per sentirci saltare i nervi e poi arrivi al punto che pensi che l'unica cosa che vorresti e' spegnere il rumore del mondo che tanto non ha niente di utile da comunicare solo rumore...MA... non ti arrendi e speri che prima o poi qualcuno ce la faccia anche per te perchè tu ti sei rotta ma di brutto di essere sempre in prima linea a cercare di rendere migliore la vita agli e andiamo avanti prima o poi ci sarà un termine a questa situazione e magari ci saranno asili, gli ospedali funzioneranno, i giovani si sposeranno o andranno a vivere da soli presto, si andrà in pensione con un età decente lasciando il posto a chi ha energie giovani, insomma verrà un tempo impossibile prima o poi e sopratutto lo vedrò con i miei occhi? Non credo proprio l'umanità è quella che è tutti colpevoli io compresa e andiamo avanti ma non stranitemi il sonno è l'unica cosa che mi è rimasta solo mia!






[ commenta ]   |  permalink  |  riferimento  |   ( 2.7 / 535 )
Poi ti rispondi 
da sola mentre hai cercato come sempre di vivere alla giornata come si sta facendo da qualche settimana dopo il crollo da stanchezza fisica e mentale di fine luglio.

Sulla macchina c'e' una strana costruzione due teli sbagliati in jacquard che se avessi messo nel cassetto di "giorno mi tornerai utile" sarebbe stato meglio ed invece io mi sono intestardita e i due teli hanno preso possesso delle mie giornate perchè ogni giorno e' servita una modifica non sapendo cosa e se ne sarebbe nato un modello.

Vive di vita sua mi sono detta il modello ed e' vero non sono io a guidare però è servito a capire molte cose anche se magari verrà fuori un qualcosa che finirà nel cassetto perchè non mi piace.

Mentre migliaia di passate di carrello accompagnano la sua nascita io penso e analizzo non tanto il contorno del mio vissuto ma il mio spirito.

Ho sempre obbiettivi precisi se devo aiutare gli altri questa è una fase invece in cui sono in contatto alla ricerca di ciò che voglio io ed è molto più complicato.

Dopo una lunga giornata di doloretti sparsi per il cambio di stagione capisci che il modello non vive di vita propria ma sei tu che stai analizzando la tua vita e mentre prendi il telecomando a fine giornata e accendi la tv la domanda te la poni a voce alta e viene dal profondo ...ma che stai facendo?

Anche la risposta viene sempre a voce alta e sempre dal profondo... quello che mi pare ...e... scoppi a ridere da sola nel soggiorno che si e' illuminato dalla luce della tv.

Scivoli sulla poltrona e ti sorridi da sola....è vero non ho altro bisogno se non fare quello che mi pare basta costrizioni di ogni genere e preoccupazioni inutili tanto anche se mi preoccupo il novantanove per cento delle cose vanno come dicono loro e pensiamo a quell'un percento che è il mio potere decisionale.

La vita va come il modello non sai mai quale variante devi apportare, lezione imparata viviamo alla giornata, facciamo mi sono detta il mio meglio quotidiano ascoltiamo il cuore e la mente difendiamo il diritto ad esistere come senti di essere e così serenamente comincio a vivere senza progetti faccio quello che posso quando posso senza più padroni perchè sei nel tempo che se non usi il bagaglio del tuo vissuto per renderti migliore le giornate non ha senso.

Quietamente comincio a perdonarmi e scusarmi quello che non mi va di fare, ognuno le sue energie io ho bisogno delle mie per me!



[ commenta ]   |  permalink  |  riferimento  |   ( 2.8 / 429 )
La pazienza del punto 
La pazienza di alcuni punti e' come quella del povero ragno che deve tessere la tela ed in effetti ci sono punti che richiedono pazienza e concentrazione e pensi però che sono una benedizione per svuotare la mente da altri pensieri, sei così concentrata sul passare, girare, tirare che all'improvviso ti senti libera dai tanti pensieri che gestiscono il tuo tempo.

Sarebbe bello non pensare o meglio dare il valore reale a ciò che pensi, ero piena di paura a pensare che ogni giorno che perdo e' uno in meno in cui sfidarmi che ho perso di vista il piacere quotidiano della sfida personale oramai siamo alla settimana che mi dura un giorno e un giorno 5 minuti assetata nella sfida di conoscere, capire, scoprire ancora.

ognuno le sue passioni io adoro la sfida con me stessa ma non sono avara perchè la condivido con gli altri e questo mi riempie di gioia l'unica differenza e' che prima mi sentivo in colpa per non riuscire a seguire tutti quelli che mi scrivevano ora che il mondo l'ho riaperto che tante persone sono nel web mi sento libera di tornare a sfidarmi non tutto riesce come speravo ma la sfida appaga sia nel fallimento che nella riuscita e chi se lo ricordava il punto pelliccia, un'immagine nel web e ti torna alla mente e via a cercare di ricordare come si faceva e in video e in diretta così se sbaglio io lo evito agli altri...non posso farci niente mi piace sollevare il mondo dalla fatica ma tanto chiunque si sieda a macchina e riprova a farlo e' la sua sfida personale diciamo che come nei video giochi io do' qualche arma in più per fare prima e questo mi gratifica come quando le prendo io dal web ...un punto semplice per creare tante cose e anche se ci vogliono ore di lavoro a convertire, unire e pubblicare su youtube ne valeva la pena!

[ commenta ]   |  permalink  |  riferimento  |   ( 2.9 / 480 )
Dritto e rovescio 
Come la vita qualcosa va dritto e qualcosa a rovescio ma non è detto che il rovescio per noi non sia il dritto della vita.

Quando si crea nella mente un modello lo vediamo in un certo modo, quando passi alla pratica spesso il modello prende tutt'altra forma e per quanto lotti non viene come lo immaginavi prende vita sua come dico io e mi succede spesso.

Si fanno progetti si sogna che vadino come si spera ma il più delle volte la vita mischia le carte e proprio non viene per niente o non somiglia a quello che volevi ma spesso e' migliore.

Ieri pensavo che la maglieria e' una filosofia di vita mentre giocavo con le due fronture per far capire come leggere un grafico e riportare un disegno deducevo proprio questo c'e' di tutto un dritto e un rovescio ma spesso il rovescio e' quello bello alla fine anche se tu non lo volevi.

All'improvviso dopo tanti dritti e rovesci ti senti bene e cominci anche ad apprezzare i cambiamenti che la vita fa nella tua e preghi che siano tutti validi ed in realtà lo sono come i punti che tu volevi in un altro modo.

Comincio ad apprezzare i cambiamenti perchè se li leggi come insegnamenti della vita diventano sopportabili e andiamo avanti verso l'ignoto!

https://www.youtube.com/watch?v=Cb3S2SLeI-U



[ commenta ]   |  permalink  |  riferimento  |   ( 3.1 / 517 )

Indietro Altre notizie