Warning: strpos(): needle is not a string or an integer in /web/htdocs/www.creazioni-or.it/home/blog/index.php on line 31

Warning: strpos(): needle is not a string or an integer in /web/htdocs/www.creazioni-or.it/home/blog/index.php on line 37
Creazioni Artigianali Or
Veder la vita  
scorrere in quella dei tuoi figli e nipoti, la famosa ruota che e' girata, vederli a combattere con quello che hai vissuto se lo guardi dall'angolazione del già vissuto anche con sfaccettature e tempi e modi diversi pensi che sei grata a te stessa per avercela fatta.

Impossibile per me non essere contenta di essere quassù nel tempo della maturità con tutti i pro e i contro e capisci che il tuo viaggio prosegue e deve essere comunqur di esempio per chi arriverà della tua famiglia dopo di te.

Non maschero niente, stanchezza, paura, difficoltà, mai mascherare se vuoi aiutare, un giorno leonessa un giorno perdente ma sempre a testa alta, mi piace confrontarmi con la mia famiglia senza imporre ma dimostrando con i fatti che e' dura per tutti ad ogni età, non voglio che finisca come con i miei genitori che non so chi erano, cosa sperassero, i rimpianti, le speranze, le paure e allora racconto me , speriamo che funzioni.

Sono in piena ristrutturazione stanza per le macchine, tutte messe in una unica stanza e 2 nella cassapanca a casa, l'età non mi consente più di stare in una stanza fredda e umida ho scelto la più riparata ma comporta uno spostamento pauroso di oggetti che 7 anni fa non mi hanno pesato al trasloco, ma le mie forze non sono più quelle, tutto sta a prenderne atto, la storia dell'infinita giovinezza e' una presunzione mentale, il fisico racconta un'altra storia e man mano che gli anni passano o ti proteggi o paghi di persona.

La mente fa progetti ma il fisico non collabora e allora prima che perda altri colpi meglio anticipare i progetti faticosi.

Sposto macchine, apro siti, scrivo, spiego modelli, bado alle esigenze familiari, alle volte non mi ricordo come mi chiamo dalla stanchezza e dai problemi, ma ora e' il tempo che posso ancora farlo a breve presumo che tutto cambierà, la storia lo faccio domani rimandare, non vivere aspettando il momento propizio, fesserie solo ora e' il tempo domani chi dice che ci sono, chi me lo assicura?

Progetti o semplicemente la sensazione che devo farlo, ecco io voglio esserci presente alle mie giornate che sono diventate di 5 minuti il tempo vola e' come se lo vedessi scorrere e va sempre più veloce di me, ci metto mille desideri che sono scritti dentro me ma arriva sempre prima lui a fine giornata io mi stanco molto prima e quindi sapendo che mi batterà alla grande ogni giorno di più perche' le mie cellule invecchiano più rapidamente, me la godo, ovvero cerco di attivare più progetti possibili, dopo la stasi di questi anni la discesa verso il ritornar bambina sarà inevitabile sono qui nella terra di mezzo fra una giovinezza andate e un deperimento naturale fisico in arrivo scusatemi ma non c'e' tempo per piangersi addosso, rimpianti veri nessuno ho fatto delle scelte ho pagato dei prezzi, ho ricevuto molto, so di aver fatto più di quanto potevo, la vecchiaia mi spaventa per la dipendenza dagli altri che gestiranno la mia vita e per la fragilità del mio corpo non potrò oppormi, quindi mi godo la terra di mezzo, mi spiace per chi lo occupa pensando a quello che non ha più a fronte di quello che perderemo forse e' meglio darsi da fare secondo la mia ottica di vita.

C'e' chi muore, chi sta male fisicamente e spiritualmente, ma c'e' anche chi e' vivo e vuol vivere le sue giornate secondo se stesso, e' quello che ripeto a chi non mi capisce, mica e' facile spiegare che tu non hai voglia di perdere tempo, non esci mai con le amiche, niente giri per vetrine, niente cinema, niente divertimenti, ma mica e' una patologia star bene con se stessi e sapere cosa si vuole veramente, io sto bene nella vita che mi sto costruendo ma non capisco perchè sembri che sia anormale solo perchè a me non va di perdere tempo in shopping o similari, lo faccio on line, scelgo con calma, pondero, e poi il tempo perso dietro a delle vetrine lo uso per altre cose, cambiano i tempi e io sono qui a badare che il nuovo tempo sia secondo me ancora comando io nella mia vita, gli altri aspettino le mie cellule che mi mettano su una sedia e non e' detto che io non prenda e me ne vada quando non potrò più gestire il mio tempo, non e' colpa mia se sto bene anzi benissimo con me stessa e i miei progetti e con il mio spirito mai domabile ....via vado a mettere ordine nelle macchine mi proteggo dai reumatismi che non e' poco :)

[ commenta ]   |  permalink  |  riferimento  |   ( 3 / 568 )
Se non avessi 
scelto come ho scelto che vita avrei mi chiedevo ieri sera?

Figli sposati e nipoti se ne vanno io guardo la mia casa e penso che domani sarà duro riordinare il tutto e mentre sposto persone nei livelli del corso, e poi crollo con uno yougurt e una luna infinita davanti agli occhi sulla poltrona chiedendomi che vita avrei avuto se avessi fatto altre scelte.

I miei nipoti così piccoli ma con caratteri formati, decisi, la base ce l'hanno già il resto lo otterranno dalla decodificazione e applicazione di messaggi dal contorno familiare e sociale lo ricordo bene perchè tutto ha influenzato le mie scelte.

Da piccola ho capito che se non sai leggere e scrivere non sei nessuno e tutti si approfittano di te, era il tempo in cui i vecchi erano analfabeti e e i tuoi genitori in un mondo di campagna degli anni 60 ti urlavano di studiare, e io ho studiato al meglio di me !

Non volevo sposarmi perchè avevo capito che voleva dire avere un padrone una persona che avrebbe dominato comunque ogni mia libera decisione, ascoltando i pensieri delle donne cotte dalla fatica in quegli anni della mia preadolescenza.

Alla fine mi sono innamorata, esagerando mi sono moltiplicata, ho lavorato per 4 donne, non mi sono mai tirata indietro, nessun sogno della mia preadolescenza ho messo in pratica perchè la vita ti crea scenari diversi man mano che cresci, oggi quassù ringrazio la mia passione di leggere e scrivere, ringrazio la scelta del matrimonio ma sopratutto ringrazio l'unico arbitrio libero con cui sono nata la scelta del bene o del male, sarei stata una superba cattiva ma ho scelto un'altra strada.

Riordiniamo i giocattoli credo di averli odiati tutta la vita ma adoro giocarci con i mei nipoti, si ho fatto scelte sopratutto quella di una vita semplice semplice che alle volte e' così complicata che mi chiedo come faccia, ma esisto e sono senza rimpianti curiosa anche di capire come mi evolverò, la strada del buono non e' facile però non si e' mai soli e non sei mai davvero triste nemmeno nei momenti più bui e' come avere una forza in più, si rimettono i giocattoli a posto e si torna fino a sabato a vivere ogni attimo della propria giornata, potevo essere potente, ricca, molto egoista nelle mie scelte, ne ho fatte altre e mentre la piccola di casa mi ride mentro io canticchio una ninna nanna inventata sul momento e capisci che erano le scelte giuste quelle che hai fatto !

[ commenta ]   |  permalink  |  riferimento  |   ( 3 / 610 )
La ricchezza 
più grande che un essere umano possa avere e' senz'altro secondo la mia esperienza l'opportunità di un nuovo giorno da vivere.

Se ti alzi la mattina nella fase della tua maturità e pensi che hai infiniti guai ed invece di sentirti persa ti senti forte è perche' stai ringraziando mentre apri gli occhi nella penombra della tua stanza da letto di averli aperti su un nuovo giorno.

Se ci fosse qualcuno che ti insegna che niente è più grande e assoluto di un nuovo giorno da vivere sarebbe meraviglioso svegliarsi ogni giorno.

Ognuno il suo percorso secondo se stessi, tutto infinitamente spaventoso, cattiverie, ingiustizie trappole bestiali di compromessi ad ogni livello eppure la luce dell'alba riempie tutto di nuova speranza e gratitudine al più semplice dei gesti aver aperto gli occhi su un giorno nuovo, una pagina nuova da vivere.

Penso che sia tempo di infiniti cambiamenti, l'umanità e' arrivata al capolinea eppure nonostante tutto se prendi un nuovo giorno come un'opportunità incredibile di cambiamento personale, sembra che tutto sia possibile.

Niente cambia finchè non cambia il singolo individuo, e ogni giorno è una sorpresa essere coscienti del dono del nuovo giorno fa sentire bene tanto bene che non vuoi sprecarne un secondo, sarà che e' finito il tempo dei giorni infiniti, ovvero quando pensi di avere davanti anni di giovinezza, sapendo che avrai giorni in peggioramento fisico perchè e' inutile che si faccia finta che non e' vero diventi ricca estremamente ricca,

Ognuno dà un valore al suo giorno personale, ognuno ha le sue aspettative che non arrivano se non sei il protagonista.

Quassù nell'età della maturità dopo un vissuto pieno di esperienze positive e negative apprezzi anche il filo d'erba che ieri non c'era, il volo di una farfalla riempie il tuo cuore di dolcezza, sapere che non hai finito davvero quello che vorresti condividere con il resto del mondo ti rende serena nonostante i guai,

Voglia di esserci di cercare nuove energie ogni giorno dal proprio vissuto, oggi sono di nonnasitter ma anche di mammasitter, non mi appartiene come giorno ho pensato appena alzata, appartiene agli altri, sbagliato come pensiero appartiene ugualmente a me, sono parti di me costruite con amore infinito nel tempo, che comportano fatica e impegno ma sono parti della mia esistenza, curare l'esponenziale della mia esistenza non e' un dovere ma una cura di ciò che hai creato.

Ogni tanto perdo il senso della grandezza di un figlio o di un nipote perchè vedo la responsabilità, il dovere e la fatica e nessuno sa cosa penso e vorrei, sbagliato sempre parti da curare di me stessa sono, scelte del mio percorso di vita.

Cambio la visuale della vita dopo la morte che ha reso tutto, ogni azione singola, diversa da come la vedevo prima.

Le emozioni sono il senso vero della vita ma la ricchezza non è quella che lascerai in eredità che si spartiranno chi resta, la ricchezza non e' quella che fai vedere agli altri la ricchezza e' quella di alzarti la mattina e vivere con te per te scoprire chi sei e stare bene con te stesso.

Sette miliardi di esseri umani che ti circondano, ognuno si alza per convincere gli altri a vivere come viene determinato da chi ha le chiavi di un potere, la rivoluzione assoluta è alzarsi rendere grazie al fatto che esisti e vivere bene ed averne la forza di farlo nella propria esistenza e con coraggio modificarne i contorni, ogni giorno cambiare se per cambiare il resto prendi coscienza di ciò e si vive mica male.

Un percorso su questa terra che non sempre capisci ma che ha un suo senso logico oggi mi sono alzata sapendo di avere davanti 14 ore di cure familiari che richederanno 3 giorni per riprendersi fisicamente, il bello è che quando racconti la fatica di gestire una famiglia non capisce nessuno, ma fa parte del mio giorno di oggi, domani se ci sarò vedremo. Un sorriso che ho capito che non c'e' prima il futuro ma il presente, non giorni inutili che scorrono e io che mi faccio trascinare ma giorni singoli in cui devo essere roccia in mezzo al fiume, reggere la corrente i tronchi d'albero che sbattono sulla roccia e tenere fermo il timone della mia esistenza non si vive per gli altri o con gli altri si vive per se stessi con se stessi in un eterno cambiamento, ovvio secondo me!





[ 1 commento ] ( 14 visite )   |  permalink  |  riferimento  |   ( 3 / 634 )
Forse vivono 
meglio i non emozionali, quelli che della vita vedono i valori pratici, carriera, soldi, potere, se stessi, il proprio tornaconto, perche' per essere una che della vita ama e si emoziona ad ogni sfumatura che vede del proprio percorso i valori alti della vita, amore, cuore, condivisione, gioia di esserci, e siccome hai fondato l'impero dei sentimenti e delle emozioni sai perfettamente che sei destinata a soffrire.

4 settembre del 1977 fra 3 ore mi sarei sposata e la storia della mia vita prendeva un altro percorso, stamattina ho lo stomaco stretto e' inutile che faccio finta di non pensarci, tutti gli anni era la festa del cuore un giorno perfetto, ora e' sul calendario in teoria un giorno come gli altri ma va bene fa parte del mio percorso ma emozionalmente non e' facile da viverlo senza scendere nei ricordi, dice che va lasciato andare il passato che ci siamo già stati vero, ma anche vero che farte del tuo presente.

Sono tornata a creare, la mia mente e le mie mani hanno bisogno di vedere tangibilmente dei frutti e conosco solo quel modo, un coprispalle che sembrava sulla carta di una semplicità assoluta e che invece alla fine ha preteso di essere "importante" come rifiniture la mia vita e' andata sempre così tutto partiva che sembrava all'ordine della semplicità del fattibile subito, realmente dovevo sembre scalare una montagna per vedere un risultato.

Mentre rifinisci a mano un coprispalle pensi eccome, pensi cosa ti ha fatto percorrere delle strade invece di altre.
Alcune cose le ho messe nel giusto puzzle della mia vita, e una e' diventata il tassello mancante per vederne l'insieme accettarmi come sono e andare avanti, non si va avanti per i figli o i nipoti o per il passato si va avanti perchè esisti e ogni giorno e' un dono concesso come un regalo incartato con una carta bellissima e un fiocco splendido, puoi non aprirlo o invece scartarlo in tutta fretta io i regali non so resistere li apro e mi piacciono tutti quindi anche i miei giorni, oggi sta a me ringraziare la vita per tanti 4 settembre del calendario che mi sono stati concessi o piangerci sopra, e io sono determinata a farne un giorno speciale.

La mia strada e' presa quella futura non posso rimpiangere nulla li ho vissuti i giorni del passato scartati uno ad uno ora si va, il pacco dono di oggi non l'ho ancora scartato non e' detto che non sia un bellissimo giorno perfetto da vivere ma sta a me dargli la connotazione giusta

Sono nel presente in un giorno futuro del mio passato senza rimpianti si va avanti ma ogni tanto vorresti essere come tante persone che conosco che al primo posto mettono i beni materiali e di spirito non se ne parla proprio, necessità personali al primo posto senza tante domande, sono tutte quelle persone che giudicano con metri diversi dalle emozioni, ecco vorrei almeno in certi giorni essere come loro, ma solo per poco giusto il tempo di non farmi troppo male, ma non sarei io e quindi con serenità affrontiamo il 4 nuovo settembre del calendario apriamo il regalo di oggi onoro il nuovo giorno con tutte le sue sfaccettature:)

[ commenta ]   |  permalink  |  riferimento  |   ( 3 / 641 )
La vita come un film 
Pensavo prima di prendere sonno, davvero la vita sembra un film, abbiamo uno sceneggiatore, che scrive i dialoghi, descrive i personaggi e i luoghi, gli attori che recitano ruoli diversi, il regista che coordina il tutto.

Spesso intrigata da un film penso che lo sceneggiatore e' diabolico, prepara situazioni impensabili, il o i protagonisti ne passano di cotte di crude e spesso il finale e' a sorpresa, gli attori e il regista possono essere bravi quanto vogliono ma la storia gestita dallo sceneggiatore fa la differenza del tutto.

Prima di dormire pensavo che la mia vita e' degna di un grande sceneggiatore, di cui spesso nei titoli di coda nemmeno si vede il nome, risalta quello degli attori, del regista anche del produttore ma dello sceneggiatore se ne parla poco e io mi chiedevo ma nella mia vita chi e' lo sceneggiatore?

Davanti al caffe' mentre hai un bel mal di gola ma e' solo stanchezza ti chiedi chi e' lo sceneggiatore nella tua vita, chi scrive i dialoghi, ci mette i personaggi e crea le situazioni?

Alzi il coperchio della caffettiera per controllare se il caffè e' venuto su e pensi stranamente...lo sceneggiatore sono io

Rivelazione convinta delle 8 del mattino, mentre un pallido sole coperto da qualche nuvola spessa annuncia che le previsioni che danno pioggia forse sono giuste, lo sceneggiatore realmente sono io e' vero se analizzo il tutto.

Ma non sono solo lo sceneggiatore penso mentre verso il caffe' nella tazzina alta e senza manico, sono anche la protoagonista attrice principale.

Il pc non si avvia come dovrebbe dice che non e'stato spento bene, errato ho spento bene la sera prima e attendo il ripristino e penso ma sono anche la regista della mia vita.

Tutto questo in un quarto d'ora, la storia l'ho scritta io, bastava creare situazioni diverse, andare o non andare in posti diversi, fare o non fare azioni precise, ho anche fatto la regia del momento secondo la mia visione di vita del periodo legato alla mia età e alle regole imposte dalla casa produttrice (la società del momento), spesso e' più facile dare la colpa ad un immaginario sceneggiatore e regista che chiamiamo con nomi religiosi, realmente il tutto lo si crea da soli su quali basi e se sono legate a qualcosa radicato in noi dalla nascita non lo so, so per certo che ogni mia azione e credo le azioni di ogni singolo individuo siano dettate dalla nostra coscienza da quando diamo il primo respiro.

Buongiorno vita allora se il ragionamento fosse giusto io ho preso coscienza di essere la creatrice della mia vita, e ho analizzato in 3 minuti tutti i punti salienti della mia vita e ho visto le mie scelte e ho immaginato anche diverse sviluppi se avessi deciso diversamente e si devo dedurre che effettivamente ogni mio singolo pensiero e azione ha determinato lo sviluppo in un modo o nell'altro della mia vita.

Gran mal di gola, molta stanchezza un pc acceso che funziona, un blog una nuova giornata davanti che ti fa sentire ricca solo per aver aperto gli occhi e una nuova certezza io posso determinare come andrà la giornata, ogni mio singolo pensiero e azione determina il cambiamento e non solo della giornata presente.

La morte scuote la vita la ridimensiona, le dà valori che nemmeno immaginavi, ho semplificato nella mia mente, non e' sempre facile essere sceneggiatore, attore principale, secondario, comparsa, regista ma resta il fatto che tutto lo determina come vivi secondo la tua coscienza se per coscienza intendiamo quello che dice il vocabolario ovvero quell'intimo conoscimento del bene e del male che liberamente ognuno esprime con le sue azioni relazionato ai suoi sentimenti e alla morale.

Non e' semplice vivere, ma lo è ancora di meno quando non vivi secondo la tua coscienza e lasci sceneggiatura e regia in mano ad altri lasciandoti solo il ruolo di attore nei diversi gradi a seconda delle occasioni, spesso molto spesso fai anche lo spettatore e preghi che lo sceneggiatore sia buono con gli attori, senza pensare che tutto dipende da te.

Bene per fare tutti i ruoli prima devi capire che sono i tuoi, e questo non e' semplice, non e' semplice davvero ma ho deciso che me li prendo tutti e comincio a scrivere la mia nuova sceneggiatura ad interpretarla secondo coscienza per ogni giorno che mi resta il produttore potrebbe tagliarmi i fondi quando vuole e il film non andrebbe avanti io invece voglio sapere come si evolve la storia!

[ commenta ]   |  permalink  |  riferimento  |   ( 3 / 617 )

Indietro Altre notizie