Che mi succede? 
Festeggiare i compleanni di famiglia di solito mi mette adrenalina nelle vene parto con mille idee giochi torta cibo ho iniziato un paio di anni fa andando al ristorante per quello del marito, ho abolito il mio ( tanto di solito non era niente di particolare c'era solo il mio spirito a farlo diventare un giorno particolare), il figlio grande lo festeggia con la sua famiglia ma gli altri erano intoccabili quest'anno e' una faticata solo pensarci, mi spaventa l'idea di cucinare, di pensare ai giochi ed e' domani il compleanno della figlia grande che si aspetta la solita festa a casa mia, e io sono spaventata a morte perche' non mi riconosco nel cambiamento generale e' cambiato anche questo sinceramente preoccupata di come il mio corpo rifiuti con il caldo qualsiasi incombenza in piu', o forse non c'entra il caldo ma si e' spento qualcosa non capisco sono confusa e frastornata c'e' da fare il pan di spagna ma non mi va, c'e' da farsi venir eun paio di idee per cosa fare a cena domani sera ma non vengono, comincio a capire i cambiamenti dell'eta' e sopratutto la certezza che mi sono rimaste le forze solo per me ma il dovere-piacere ( perche' amo infinitamente tanto la festeggiata ) mi daranno la forza, 32 anni fa era stato meno faticoso partorirla avevo molte piu' forze, eh si sta cambiando tutto mente e corpo!

[ 2 commenti ] ( 19 visite )   |  permalink  |  riferimento  |   ( 2.9 / 656 )
Se hai un sogno 
ma non trovi la strada sembra tutto complicato poi l'idea giusta arriva e ci metti un piede sul nuovo sentiero e stranamente scopri che non hai piu' paura, l'universo ti manda messaggi chiari e positivi come a dirti sei sulla strada giusta e anche combattere con le solite mille piccole beghe che normalmente si coalizzano per renderti impossibile il sogno questa volta sembrano piu' facili da affrontare sara' che la rabbia accumulata nel tempo e' esplosa tutta insieme, che hai preso visione di quante storture e deviazioni mentali ti hanno schiacciata per anni, e quello che fa male e' capire che eri solo tu la colpevole perche' accettavi tutto con rassegnazione come se fosse la normalita', quante volte ho scritto che l'unica cosa di cui ho paura e' trovarmi sulla sedia della vecchiaia triste infelice e con la cattiveria di chi vuol punire il mondo per non aver vissuto secondo se stessi... ecco sto lavorando perche' questo non avvenga per farlo mi serve tanto coraggio ma non con gli altri con me stessa, la frase che un giorno mi fece tanto male oggi mi aiuta ad affrontare la vita " nessuno ti fa male sei tu che lo permetti" quindi mi concentro su quello che e' il mio sogno in viaggio verso la mia indipendenza mentale fisica ed economica mentale quasi ci sono o meglio ci sono dentro fisica grazie a Dio cerco di supoerare i miei acciacchi senza farmi fermare troppo e devo dire che non mi focalizzo sul dolore va meglio ... economica beh li' e' un altro discorso molto piu' complesso ma ci sto lavorando il mio sogno diventare una persona che si rispetta che non dipenda piu' dagli umori e voleri degli altri, mordo molto non sono piu' servizievole faccio pesare il valore di quello che faccio perche' da quando ho scoperto che gli altri pensano che a me non costa fatica perche' non mi lamento ho cambiato anche questa di ottica, la rivoluzione dentro me non e' facile ma e' possibile! :)



[ commenta ]   |  permalink  |  riferimento  |   ( 3 / 656 )
Il primo pensiero 
appena sveglia....... chi ha ucciso il clima perche' qualcuno l'ha fatto... non possiamo avere temperature cosi' alte nel nostro paese ..ah gia' mi sono detta hanno piegato i Giapponesi ad Hiroshima poi tutti gli atolli sono serviti per esperimenti nucleari tanto che vuoi che succeda sono sotto terra ... ma come fa l'uomo ad essere cosi' imbecille?

L'impotenza di non poter far molto di fronte a quelli che comandano o hanno comandato e dover anche far finta che non sia vero ... tutta colpa dei terremoti che hanno spostato l'asse terrestre tutta colpa dell'effetto serra tutta colpa di.... si certo tutta colpa del caso e' sempre tutta colpa di qualcun altro e' la specialita' dell'uomo dare la colpa e sempre a qualcun altro mi chiedero' sempre se almeno in punto di morte chi ha spinto bottoni che hanno causato morte e rovina un senso di colpa gli viene ma credo di no chi lavora per il male penso che non conosca il rimorso ma ci goda come un matto

Le formichine come me che tentano di costruire un piccolo mondo si rendono conto che alle volte e' inutile se non sei pronta a vedertelo distruggere ti rendi conto che sei il passeggero di un treno il cui guidatore e' totalmente ubriaco non ti resta che sperare che il treno non deragli mentre ti aggrappi al tuo sedile cercando di sopravvivere!



[ commenta ]   |  permalink  |  riferimento  |   ( 3 / 650 )
Le casualita' 
Quando il caldo ti mangia i pensieri e tutto sembra molto piu' complicato anche un gatto di nome Lara che passa vicino al manichino puo' dar vita ad una casualita' chissa' che le e' preso l'ho trovata con l'unghia infilata in un filo che penzolava dal manichino ..........oddio no ho pensato fa che non sia quello che penso.... aveva tirato un filo da cardigan ormai finito .......mi sono seduta e ho pensato e va bene lo butto ma una parte di me quella combattiva che non molla mai mi ha guardata storta sul tavolo c'erano due pezzi di traforato della prima campionatura ho sospirato pensando al lavoro che mi attendeva e cosi' e' nato il modello Lara, eh si io credo che ci sono dei modelli destinati a nascere in un modo in invece che in un altro e si puo' usare anche un gatto per prendere vita e cosi' un semplice cardigan estivo e' diventato un due pezzi e ci sono voluti 10 giorni di caldo lavoro pero' mi hanno convinto e' molto piacevole!





[ 2 commenti ] ( 16 visite )   |  permalink  |  riferimento  |   ( 3.1 / 655 )
Quando il caldo 
non e' caldo ma un forno acceso per cuocere l'arrosto e il pollo sei tu e' dura, tutto si rallenta diventa quasi impalpabilmente visto con occhi diversi, il corpo va in protezione di se stesso almeno a questa eta' i miei figli grandi e nipoti se ne vanno dalla zia e dal nonno, li ho fatti anch'io i miei 240 chilometri andata e ritorno e senza l'aria condizionata per anni e con figli piccoli ( a parte che il caldo di allora era un'altra cosa niente a vedere con quello apocalittico degli ultimi anni) ma l'idea di mettermi in macchina e di vivere una giornata sotto la canicola infernale mi fa star gia' male solo al pensiero, il mio corpo si rifiuta mi chiedo quando finisce l'incoscienza giovanile e a che punto subbentra l'autodifesa a me e' successo non ho altri obbiettivi se non quello di vivere se posso secondo me, la mia giornata inizia all'alba nella corsa contro il tempo di cucinare stendere stirare pe rimpedire che altro calore resti in casa, le chiusure delle finestre e persiane a ore precise, ieri non e' servito un pomeriggio ( mentre il cucciolo di casa mi faceva capire che faceva caldo e lo portavo sul lavandino a giocare con l'acqua fresca e nei suoi occhi la riconoscenza alla nonna del gesto) infernale che ti fa pensare che non si puo' vivere cosi' qualcosa non va chi ha girato il rubinetto del calore?

E' vero la terra si e' liberata dei dinosauri e ha evoluto la specie sono arrivati gli umani, speriamo bene che non si stia liberando di noi! :)

[ commenta ]   |  permalink  |  riferimento  |   ( 3 / 646 )

Indietro Altre notizie