Warning: strpos(): needle is not a string or an integer in /web/htdocs/www.creazioni-or.it/home/blog/index.php on line 31

Warning: strpos(): needle is not a string or an integer in /web/htdocs/www.creazioni-or.it/home/blog/index.php on line 37
Creazioni Artigianali Or
La vita come un filo 
Quasi finito il totale cambiamento delle stanze della casa, tinte chiare e luminose, 2 mesi di fatica immane, come solo io so affrontare, a testa bassa fino alla fine.

Ieri sera all'improvviso mi sono posta la domanda "e ora come vivo i giorni che verranno che mi invento?" L'angoscia è tornata, finito il tempo in cui tante persone avevano bisogno di me o io di loro, fa lo stesso, ti senti all'improvviso vuota.

Lavorare come un mulo da soma in cima ad un ripido sentiero di montagna con un gran carico sulla soma non mi ha messo mai paura, non avere molto da fare invece mi spaventa.

Ho dormito male e mi sono svegliata male, il futuro non lo vedo e poi la risposta è arrivata dal profondo.

La vita è come un filo di lana o di cotone, vive lì sulla rocca avvolto e prende polvere su un ripiano anche se protetto ma se non lo prendi in mano, non lo osservi e decidi di farlo vivere resterà immobile per sempre senza avere il suo momento di gloria trasformandosi in altro.

La mia vita è come la rocca sullo scaffale, solo io posso darle un senseo e una destinazione, nessun altro può decidere per me.

L'ultimo giorno dei miei 62 anni, ho concluso un lungo ciclo di vita negli ultimi 365 giorni, mi sono impegnata a paraffinare il filato. Tanti nodi che si sono creati e che ho sciolto, dolore fisico e mentale mi hanno fatto da paraffina ma il filo è pronto. Come non ho paura a prendere un filo e a dargli vita così devo fare con i miei giorni.

Inutili i ricordi se non per darmi forza, l'uomo che amo non lo rivedrò in questa vita, in cambio mi ha lasciato tanto del suo carattere in tutte le sue sfaccettature nei miei 4 figli e 3 nipoti, sta a me usare il filo della mia vita e costruire ancora cose che mi piacciono.

Mi alzo la mattina in stanze colorate di fresco, nuovi oggetti, altri di sempre conservati con amore ma l'angoscia va superata, prenderò i miei giorni che mi sono concessi e ogni attimo sarà teso a viverlo con la certezza che non va sprecato un attimo, la vita non si ferma va sempre avanti e tu devi tessere al meglio di te, ogni frazione di tempo che ti e' concesso.

Se mi avessero detto qualche mese fa sarei riuscita nell'impresa di tinteggiare ogni stanza di casa non ci avrei creduto ma l'ho fatto e questo mi deve ricordare che se voglio posso.

Nessuno sa cosa l'attende, ma almeno provarci a crearsi un giorno dopo l'altro il meglio in cui vivere si può, niente paura prendo il filo e inizio a tessere tenendo bene a mente che il tempo concesso non dipende da me e che è il bene più prezioso che si possieda ogni giorno via inizio sia nel mio mondo reale che nella maglieria nel web tanto sono parte dello stesso capo che costruirò :)




[ commenta ]   |  permalink  |  riferimento  |   ( 2.9 / 218 )
Mai tanto tempo 
L'ho focalizzato all'improvviso fra una rullata e l'altra, in oltre 30 anni non sono mai stata tanto tempo lontano dalla maglieria.

Covava da un bel pò il mio bisogno di rinascere a nuova espressione di me, la paura del cambiamento era tanta, ma era peggio piangermi addosso.

Io non ho vissuto dal 13 ottobre del 2012 al 2 genaio del 2019, ho portato avanti tutti i doveri fino allo sfinimento di morti e lutti e sistemazione della burocrazia, fra lacrime, sconforto e dolore che ti spacca il cuore.

L'ho definito il trasloco fra una vita e l'altra, il cambiamento che ho messo in atto e sinceramente ne sono ancora spaventata ma era la sola via d'uscita, cambiare per non morire dentro.

Le stanze, tutte prendono vita un po' alla volta fra enormi dolori muscolari, ma la mente comanda e il fisico deve ubbidire. Non vedo e non sento niente è come se la mia mente rifiutasse qualunque altra situazione vuole vedere finito e sono a um mesetto forse dal riuscirci.

Dietro ai 50 chili di tempere, ai rulli, ai colori universali per idropittura c'e' una donna che non sa cosa farà dopo ma certo è che ci vuole arrivare.

A casa mia dicono che nemmeno un ventenne avrebbe retto tanta fatica, io penso che il ventenne non avrebbe nemmeno iniziato, ma io sono altro appartengo al genere fai da te, resto l'arteficie del mio cambiamento e ringrazio sempre la mancanza di denaro che mi faccia optare per farlo fare ad altri.

Nel vedere e sentirmi contenta del lavoro fatto mi chiedo dopo quando avrò finito che farò, non lo so se riprenderò in mano la maglieria come prima ma tornerò in quel mondo che mi affascina perchè riesce a stupirmi ogni volta, ma anche in quel mondo so che non sarà più lo stessa cosa.

Si cambia, cambiano le cose, una delle frasi peggiori almeno secondo me e' stata quella di dirmi che io esisto solo perchè chi mi segue mi fa esistere, come fossi un ologramma da accendere a propria necessità, ed invece è l'inverso io esisto per creare realtà e compreso questo tutto acquista un nuovo senso.

Quello che creo esiste, non quello che penso ma quello che metto in atto e costruisco e la regola vale per tutto e tutti e così mentre creo lo scenario dove fra qualche mese mi muoverò penso che anche la maglieria cambierà perchè io ho acquisito nuovi "poteri", curiosa attendo cosa creerò di nuovo per mostrare un mondo che amo tanto per ora continuo senza sosta, sopra le forze a creare la nuova scenografia della mia vita poi tornerò davanti ad una macchina a creare con i fili colorati sperando di essere sempre un aiuto per gli altri!



[ commenta ]   |  permalink  |  riferimento  |   ( 2.9 / 221 )
Due mesi e mezzo 
Se mi avessero detto che in due mesi e mezzo con tutti i dolori muscolari e ossei, sarei riuscita a tinteggiare, buttare mobili, snellire stanze, ricomprare l'essenziale, trasformare la mia casa a nuova immagine di me, non ci avrei creduto.

Quando capisci di essere per età la prima della lista della tua famiglia a doverti tener pronta a lasciare questo mondo, beh le cose cambiano radicalmente.

Tu non lo sai ancora ma la tua mente prepara scenari in cui sa che avrà davanti pochi anni e di preparazione a lasciare tutto, e ti impone di muoverti e prendere possesso del tuo tempo.

Oggetti accumulati da 40 anni di tante persone, ricordi in ogni centimetro della tua casa ti bloccano anzi ti inchiodano le gambe e ti fanno pensare che o cambi qualcosa o morirai dentro aspettando di morire fisicamente e la rivolta c'e' stata.

Ho fatto comprare la pittura per le pareti, ho iniziato dalla camera che mi soffocava di più quella da letto ho proseguito per la stanza del figlio che se ne e' andato nella sua vita, poi lo studiolo dove tengo le macchine, il bagno, e poi l'ingresso e il corridoio, ovunque ho tolto oggetti e mobili, ho snellito tutto perchè se capisci che hai poco tempo non vuoi passarlo a pulire oggetti che non ti appartengono più.

Ogni oggetto preso in mano mi sono ascoltata, mi sono chiesta se volevo tenerlo, regalarlo, buttarlo o metterlo in uno scatolone e alla fine sono qui di prima mattina, a dare una ripulita a quello che ho fatto e pronta ad iniziare la cucina perchè sto preparando la base dell'ultimo tempo.

Paga un prezzo alto la mia passione per la maglieria, ma manca poco e poi anche in quel campo esprimerò la nuova me.

Ho preso possesso del fatto che non è quello che possiedi ma come vivi a fare la differenza e me l'ha insegnato la morte che arriva, taglia via dalla tua vita ciò che ami di più, ti lascia nuda su una spiaggia deserta e tu devi trovare la forza di sollevarti e costruire di nuovo, io l'ho trovata, mi porto nel cuore chi amo e amerò per sempre ma mi appartengo, la strada è la mia e vado avanti non ho altri obbiettivi se non lasciare questa vita pensando di aver dato e fatto al meglio di me.

Inizio l'ultimo tempo non è detto che non sia il più ricco di emozioni di tutti i tempi vissuti dal primo vagito.

Maglieria attendimi che insieme mostreremo nuove emozioni al mondo fra un pensiero e l'altro.



[ commenta ]   |  permalink  |  riferimento  |   ( 2.9 / 250 )
Un ciambellone e una crostata 
Solo chi ha messo al mondo e dato vita a 4 nuove energie sa come ogni figlio sia diverso nella sua unicità. Ognuno di loro ha dei doni, ognuno di loro il suo carattere ad ognuno però puoi chiedere cose diverse all'occorrenza.

Scendono dalla macchina ad ora di pranzo, in mano hanno un grosso ciambellone e una crostata ai frutti di bosco, una pasta veloce e tiri fuori cacciaviti e mazzette di ferro.

I mobili sono rimasti accanto a te 42 anni, scelti da due ragazzi, pagati a metà dai 4 genitori, allora si chiamavano mobili componibili moderni, hanno visto tutto, nascite, risate, pianti, disperazioni, cambio di case, e poi la morte e fiumi di lacrime e di disperazione.

Il figlio toglie i vetri, due parti vanno in garage come contenitori, l'altra parte viene smembrata a colpi di mazzetta, un cumulo di tavole che passo dalla finestra ai figli pronte per il camion della nettezza urbana.

L'avevo accarezzato e ringraziato il mobile della mia vita, lo ho amato tanto ma e' tempo che vada, niente sarà come prima, ma nella stanza vuota, in attesa che arrivi la vetrina e il mobile basso, seduta sul divano so di aver finito di sbattermi come una falena addosso alla luce, sono presente a quello che faccio.

Quando ho iniziato questo blog mi stavo trasferendo in questa casa, dal 2007 sembrano passate 4 vite tanto ho lottato con la vita e i suoi eventi, ma ora sono nel presente, con idee chiare sul come viverlo.

Sono 4 giorni che lo sento nelle ossa che io determino ciò che mi succede e come mi sento e ho finito di arrancare per lasciar andare il passato.

Sono pronta inizio e l'anima si fa lieve anche se le gambe tremano perchè l'impresa non è indifferente per le tue forze, ma calcolando le statische avrei un 21 anni di vita ancora ma siccome sono coriacea e ho tanto ancora da raccontare me la prenderò comoda prima di mettere i vestiti sulla sedia ed andare oltre, ma nel frattempo si vive come voglio o non vale la pena, mi adatterò agli imprevisti ma la penna con cui scrivo la mia storia la terrò ben salda nella mano.

E' finito il tempo dei se e dei ma...vado!:)



[ commenta ]   |  permalink  |  riferimento  |   ( 3.1 / 235 )
Il mio tempo 
Alla fine lo capisci, dopo aver sostenuto tutti, corso come una pazza per crescere 4 figli, in un tempo dove anche uno solo era un problema, aver soccorso nel male fisico, aver perso battaglie, risvegliato la maglia a macchina, aver perso la tua unica battaglia, rimanere sola senza il tuo compagno di una vita, e' il tuo tempo.

Ero libera di scegliere come sempre o piangermi addosso e lasciar andare in rovina quello che avevo costruito o rimboccarmi le maniche e lottare, ho scelto la seconda, poi anche le lotte si sono calmate e mi sono vista.

La lotta con i lutti, i problemi, nonostante tutto avevano lasciato una donna che sul fisico porta tutti i segnie le cicatrici delle battaglie della sua vita e mi è venuta voglia di prendermi in braccio e coccolarmi.

L'amore dato agli altri all'improvviso ho capito che ne avevo bisogno io, era inutile lottare aspettando che l'amore mi raggiungesse da forme diverse, ancora una volta dovevo donarlo per prima ma questa volta il soggetto non avevo capito ero io.

Ho aspettato tutta la vita che qualcuno approvasse il mio operato per ricevere un pò d'amore ci ho lasciato energie e salute e poi ho capito che se non ti ami nessuno ti ama.

Il fisico rotondo, un po' tanto bloccato dai reumatismi, il viso segnato in malo modo dal tempo, lo specchio non rimanda una bella immagine, però mi soffermo sulla luce degli occhi e quelli ti raccontano un'altra storia.

E' il compleanno dell'uomo della tua vita, ti senti una ladra di giorni perchè lui e' morto e tu no, ma se non lo supero la mia storia terrena finisce prima del tempo.

Salgo in macchina decisa anche se le gambe non sono d'accordo ma non le ascolto, vengono dove dico io.

Vetrina in arte povera da 148 cm e mobile basso da 171, le idee sono chiare, le forze di farlo, rinnovo il soggiorno.

La lotta iniziata il 2 gennaio prosegue, dopo le camere si passa al soggiorno e se di denaro non ne hai molto a disposizione sopperisci con il fai da te.

Le forze non ci sono, le gambe non reggono, quello che 10 anni fa facevi in un giorno ora ci vuole una settimana, ma non molli, fai, crolli, piangi ma stai preparando il tuo nido nuovo dove vivere con te e questo ti aiuta non poco.

La morte non è niente, forse, ma dipende da quanto la morte travolge la tua vita a me è stato tolto il muro portante, sono finita sotto le macerie ma ho lottato per uscirne ora sono pronta, coloro il mio mondo e manifesto me, quella che non conosco del tutto, ma sono le mie prove in questo tempo e ho tutta l'intenzione di superarle.

Un paio di mesi e ci sono manca solo Giorgia ( la mia cucina da sogno) ma sarà il mio prossimo sogno da realizzare in tempi molto brevi al cielo piacendo che si deve attivare per trovare le finanze.

Vengo a vivere nel mio tempo per me e con me e all'inferno le gambe ieri per vedere i mobili mi sono fatta una scala da 18 scomodi gradini, per altri motivi mi sarei rifiutata ma corrimano e bastone aiutano sopratutto aiuta se lo vuoi.

C'e' che arriva sull'Everest, io ho piccoli sogni ma sono come scalare picchi altissimi ci sono sono dentro la mia storia con la coscienza di chi vuol amarsi per amare poi tutto meglio e in modo diverso.:)

La maglieria va in pausa ma quando torno, torno anche in quel mondo in maniera più amorevole e creativa, tutto ha un tempo, lei mi ha fatto da sostegno in giorni bui, ora l'accarezzo la mia macchina promettendole esperienze mai fatte insieme e via verso il colore e nuova vita e che il cielo mi accompagni perchè anche questa avventura sa d'amore!



[ 1 commento ] ( 9 visite )   |  permalink  |  riferimento  |   ( 3.1 / 233 )

Indietro Altre notizie