Il caldo non aiuta 
E no. il caldo eccessivo e 38 gradi per me lo sono non aiuta nemmeno a pensare più che a fare e ti prende la malinconia delle estati di 30 anni fa.

Dicono gli esperti che il clima e' cambiato dal 1978 ma già non c'erano più le mezze stagioni e quindi ci si adatta, mal volentieri ma si va avanti.

Inganno la sofferenza del fisico con due cure particolari Passap e progetto canotta live, si fatica in entrambi i casi ma il cervello in movimento con qualche incertezza sembra che senta meno l'afa.

La Passap e' una scoperta continua nei suoi punti che probabilmente sbaglio ancora ma sto creando un archivio punti tutto mio, la canotta e' una necessità per me e tanto vale dare una mano a mostrare di base come la creo poi ognuno evolve come vuole e andiamo avanti nella speranza che prima o poi il caldo ci dia tregua :)




[ commenta ]   |  permalink  |  riferimento  |   ( 1 / 1 )
Un passo al giorno 
Nessuno nasce imparato ma e' un passo al giorno che ci porta alla conoscenza di quello che vogliamo apprendere.

Quando si nasce senza chi si prende cura di noi nella nostra immensa fragilità umana non si vivrebbe molto, e poi e' una corsa ad imparare per vivere per scoprire quello che ci piace. Alcune scelte sono libere altre forzate dagli eventi ma secondo me non si smette mai di imparare e una macchina della maglieria ha questo potere su di me, mi ricorda ogni giorno che ho qualcosa da imparare.

Quando ho comprato una Passap Duomatic sapevo che era un altro mondo, che avrei messo in dubbio tutto quello che conoscevo della maglieria sul come fare e credo che non fossi pronta a fare la sua conoscenza.

Ho iniziato a scrivere Punti & Disegni e ho capito subito le mie lacune nel mondo della maglia a macchina e umilmente sono andata ad imparare i punti manuali spinta dalla curiosità di comprendere come si formano i punti senza scheda e mi si è aperto un mondo. Per mesi ho studiato senza sosta, mordendo il freno del fare perchè prima dovevo capire e alla fine ho compreso e sono stata pronta per conoscere anche altri mondi fuori dalle artigianali classiche e la Passap e' una macchina davvero diversa.

Mi ci siedo davanti spogliata di tutto solo con l'umiltà di fare conoscenza, di ascoltare le sue esigenze e ogni giorno in quell'ora di studio e' una scoperta che io metto in video perchè si comprenda quanta difficoltà può richiedere lo studio di una macchina, la filosofia del suo creatore.

Davvero la maglia a macchina, ma lo è ogni mestiere e' qualcosa che riesce a riempirti la vita se entri nella spirale del comprendere e poi fare.

Il caldo non aiuta sei costretta a rubare le ore al sole e sono veramente poche per gestire tutto senza sudare per muoverti, ma non mollo ho scoperto un mondo nuovo che a settembre mi permetterà di creare forse il mio primo capo, per ora studio!

Volevo fare ma ho bisogno di capire perchè mi piace l'idea di lasciare qualcosa di scritto magari a pochissime persone ma che con me condivideranno una passione per un'arte che mi piacerebbe lasciare viva e vitale e per questo continuo anche se sarebbe meglio lasciar perdere e dedicarmi al fare e guadagnare da quello che sai fare, ma ognuno nasce sentendo dentro se quel qualcosa che ti spinge a comportarti in un modo o nell'altro!





[ commenta ]   |  permalink  |  riferimento  |   ( 3 / 6 )
Era il 1958 
Io avevo 2 anni quando la Passap evolve il modello precedente e nasce la Automatic che di automatico oggi non ha niente ma per quei tempi probabilmente era il top, tutta in ferro, aghi in acciaio e ieri l'ho montata almeno la prima frontura per la seconda va presa una laurea in ingegneria ma quella che si occupa come specializzazione di costruzione ponti e poi capirete il perchè.

Mi tremavano le mani quando l'ho messa sul tavolo ed ho inserito il filo e passato il carrello ed e' stata una sorpresa unica.

Serve da studio per capire l'evoluzioni delle macchine e dei punti ma è un mondo scomparso che intriga proprio per questo.

Oggi metto in video, non tutorial di aiuto (credo che le macchine nel mondo siano molto poche la mia e' numerata 28 su 500 e non so a cosa si riferisca) ha il suo numero di serie, e cercherò nel tempo con qualche video di mostrare come si sono evolute le macchine.

Sono grata all'universo per poter fare questa nuova esperienza, non ho mai usato una macchina che fa un rasato perfetto che lavori senza perdere una maglia e il pettine non serve l'ho inserito io per stare più tranquilla!







[ commenta ]   |  permalink  |  riferimento  |   ( 2.8 / 9 )
L'arrivo della mummia Passap 
Sembra strano ma che la Passap avesse creato una macchina del genere non lo immaginavo fino a qualche giorno fa, lei mi ha cercata e trovata.

L'abbiamo soprannominata mummia sia per l'età che per tentare di riportarla in vita ora e' sul mio tavolo della cucina un salto indietro nel tempo credo di una sessantina di anni, un'emozione incredibile e' come avere un parco macchine di Ferrari ed essermi comprata una macchina del 1800 e non vedere l'ora di girare la manovella per vedere se si mette in moto!










[ commenta ]   |  permalink  |  riferimento  |   ( 3 / 15 )
Il potere del fai da te 
Ognuno ha i suoi doni, spesso nascosti ma se hai il coraggio di applicarli sei in pace con il mondo.

Ho sempre pensato che nessuno nasce imparato, che tutto si può apprendere, poi magari non e' nelle tue corde e lasci perdere.

Mia madre mi ripeteva sempre "Impara l'arte e mettila da parte", questa cosa non l'ho mai capita almeno non nei miei anni da giovane, ma mi si e' chiarito tutto dopo.

Negli anni ho rubato con gli occhi quello che mi interessava, in vari campi, compresa l'idraulica e qualunque lavoro manuale perchè alla fine avevo capito che quello che sai fare e' solo tuo non te lo può più portar via nessuno.

La maglieria e' stata la mia fonte di fai da te più appariscente, non sono mai riuscita a guadagnarci niente, a rimetterci tempo e denaro questo invece mi e' riuscito benissimo.

Qualche volta vado in sconforto, saper fare e non ricavarci nulla ti deprime il pensiero dura finchè non indossi capi fatti con le tue mani e ti senti bene all'improvviso.

La più grande rivoluzione mentale e' proprio quella di non dipendere da quello che ti impongono gli altri almeno non nel vestirsi, almeno secondo me.

Mi piace guardare il mio armadio che si riempe di modelli che possiedo solo io e nessun altro al mondo, fa uno strano effetto.

Qualche volta vorrei avere il fisico di 30 anni fa per esaltarli ma alla fine convengo che ogni tempo ha i suoi lati positivi anche nei capi che indossi.

La vita corre veloce non ho più la possibilità di pensare e dire "un giorno lo farò", quel tempo e' ora perchè dopo c'e' solo la difficoltà di un fisico che si prepara al viaggio finale.

Ogni giorno che passa mi sembra di perdere un pezzo della mia vita, non mi era mai successo e scatta la molla del vivere ogni giorno regalandomi pezzi di crescita nelle cose che mi piacciono.

Ho vissuto una vita a lucidare la casa per mostrare che ero brava, ora vorrei che si lucidasse da sola e smetto di guardarla, posso convivere con qualche granello di polvere ma ho bisogno di esternare per me e solo per me la mia crescita nelle cose che sono i miei doni.

L'ultimo modello "Zucchero filato" perche' se lo tocchi ti sembra di mettere le mani nello zucchero filato, non era nelle mie corde all'inizio, non sono solita portare canotte, ma si cambia anche in questo, tutto fatto a punzone ho spostato ogni singola maglia, ho fatto bordi di chiusura sulla macchina collo compreso, ne ho fatto video, lo spiego nel sito. In tasca nemmeno un centesimo anzi sono usciti ma nell'armadio c'e' un capo in più solo mio e questo non è poco per la pace di se stessi.

Le, mani, il cuore, la mente hanno lavorato insieme ed insieme continuano a farlo anche per mostrare che molti di noi sono capaci di grandi cose con le mani e vado avanti finchè mi sarà concesso.


[ commenta ]   |  permalink  |  riferimento  |   ( 2.8 / 15 )

Altre notizie