Tessere 
Un anno fa ero a chiedermi quale telaio comprare, mio padre stava morendo, l'ultimo genitore mi costringeva a prendere visione che diventavo la più anziana di famiglia, che il mio tempo si restringeva paurosamente, il telaio era un sogno e me lo sono regalato.

Il telaio non a se stesso ma come nuovo spunto creativo per la maglia a macchina.

MI è servito per tenere a bada il nuovo cambiamento, le nuove responsabilità ma non l'ho studiato mai veramente.

Ho comprato un telaio verticale perchè mi permette il poco ingombro e di portarlo dove voglio.

All'inizio l'ho guardato con molto rispetto, incuteva soggezzione anche solo mettere l'ordito cioe' il filo su cui si passerà la spoletta con il filo per la trama.

Mettere su l'ordito lo spiega il vecchio proverbio arabo "messo l'ordito anche le capre sanno tessere" ed e' vero come smacchinare lo fa anche un bambino molto diverso e' saper costruire modelli.

Eccomi qui di nuovo con un mondo da scoprire perchè il mio sogno è unire maglia a macchina e telaio, il passato e il presente coniugati in modelli semplici indossabili tutti i giorni.

Qualcosa di elementare l'ho costruito ma ora si deve superare il punto tela e passare a punti complessi con i liccetti ovvero fili che legano fili stabiliti dallo schema nell'ordito.

Mi arrendo alla mia curiosità ancora una volta ho poche spiegazioni e studio tanto per capire ma mi frena la paura di non aver pazienza nel legare, contare, seguire uno schema ma forse l'anno prossimo dopo decine di video ci sorriderò sopra ma per ora ho una bella sfida in corso.

Ultimo punto tela ( il punto di base) e tanto colore che mi affascina enormemente ma e' tempo di crescere.

Prevedo lacrime e sangue anche in questa sfida ma la vita è mia se non la rendo intrigante secondo il modo di esistere che senso ha?



[ commenta ]   |  permalink  |  riferimento  |   ( 3 / 5 )
Fare o guardare 
Il lungo viaggio nel web e' terminato, almeno per me è finito il tempo in cui sentivo la responsabilità di aver fatto riaprire tante macchine.

La maglieria era un'altra famiglia a cui badare, non mi sono risparmiata, ho visto frutti ma ho visto anche tanta gente chiudere le macchine, ho visto nascere attività e ho dato senza risparmio e senza chiedere nulla tanto tantissimo e poi sono rimasta vuota ad chiedermi dove sarebbe finita la mia di maglieria.

E' stato un anno incredibile il 2018, come tutti gli anni se li osservi con attenzione.

Sul fronte maglieria devo dire che dopo essermi dimostrata fra cemento e grandi fatiche fisiche che non ero finita, mi sono ritrovata nell'essenza della gioia della maglieria secondo me.

Nessuno pensa a quanto costi mostrare la maglieria e non solo in denaro perchè il web ci ha abituato che quelli che fanno devo dare senza lamentarsi a chi guarda, guai a smettere perchè hai finito le forze, ti cancellano e se ne vanno altrove da chi ha ancora forze.

Io non so guardare, ma so decidere cosa voglio e cosa non voglio perchè il mio non è un lavoro retribuito, anzi il contrario, erano gesti d'amore per un mondo che mi aveva permesso di scavalcare le difficoltà della vita.

Ho capito all'improvviso che era la maglieria a dovere tutto a me e non viceversa, perchè io non ho smesso un minuto degli ultimi 30 e oltre di studiare per aiutare gli altri e farla crescere e quando mi sono resa conto che avevo perso interesse mi sono chiesta che volevo io dalla maglieria.

La risposta l'ho avuta, tornare a creare per me e con me, lasciare che i fili parlino, arrendermi ad un dono che mi meraviglia sempre, questo per me conta veramente.

Volevo donare la gioia che porta un filo colorato, credo di esserci riuscita con tante persone ma il dono del creare secondo me resta solo mio e da quello sto rigenerandomi.

Mi piace continuare a mostrare regole tecniche a sperare di essere ancora utile a chi vuol fare ma per fare devi sudare e quello e' privato in base al proprio carattere, io sudo e ci lascio gli occhi ma alla fine il filo non mi tradisce mai.

Parto per un nuovo incredibile viaggio lascio i fili chiamarmi e prendere forma non per aiutare ma per rendere ricca di passione la mia vita che senza passioni non si vive si sopravvive nei doveri e nelle difficoltà della vita.

Finalmente ho una mia dimensione maglieristica, un po'aiuto chi ha voglia di fare e un pò lascio che i fili mi raccontino la loro storia!






[ 2 commenti ] ( 10 visite )   |  permalink  |  riferimento  |   ( 2.9 / 7 )
Fiori e foglie 
Nel tempo io ho usato la maglieria come le altre persone usano viaggi, escursioni nei centri commerciali, la palestra o infinità di altre azioni che hanno lo scopo di aiutare a vivere con leggerezza e sopportare le ansie della vita.

Nell'ultimo anno il sesto dopo la fine della mia precedente vita, prima mi sono dimostrata che non ero finita fisicamente diventando muratore, poi ho messo in discussione cosa mi creava problemi con il mondo che avevo creato nella maglieria e sono riuscita a trovare un equilibrio tra il continuare a mostrare, ad aiutare e la mia vita privata.

Ora in discussione c'e' il mio rapporto con le macchine e la creatività.

Non sono mai stata una maglierista professionale, ribadisco funzione della maglieria era divagarmi dai mille doveri familiari, che solo chi ne porta il peso sa che vuol dire con 4 figli, non cresciuti alla stato brado ma con cura, amore e totale dedizione per farne uomini e donne che reggessero l'impatto della vita.

I figli sono cresciuti ho fatto un ottimo lavoro, tutti presi nella loro vita, l'uomo della mia vita è in un'altra dimensione, è saltato ogni progetto che avevo fatto per il dopo insieme a lui.

Tutto si e' riversato sulle mie spalle perche' tanto io sono brava a risolvere ogni problema e da sei anni, porto pesi che schianterebbero 10 donne almeno che conosco, sono orgogliosa di me ma non basta.

Le paure sono arrivate dopo la morte di mio padre sono diventata per età la prossima sulla lista degli anziani pronta a partire anch'io per un'altra dimensione, almeno sulla carta poi solo il cielo sa che ci attende ma è arrivata la paura.

Una paura fredda ed irrazionale, la paura di ammalarmi di non riuscire fisicamente a gestire tutte le incombenze, ne escono fuori 10 al giorno, tanta paura in un mondo confuso che certo non ti dona speranze.

Un mondo egoista che è fatto di cattiveria e menefreghismo e tu sai che ogni giorno sarai più fragile anche se molto amata dalla tua famiglia che però ti crede ancora il cardine in grado di reggere tutte le sbattute del vento alla porta.

Non sono stanca sono bloccata dalla paura, paura del presente, passato e futuro e in questa fragilità mi sono svegliata dicendomi ... manda tutto a quel paese..tanto non puoi fermare la vecchiaia, i guai, la gente malata di protagonismo, gli egoisti, etc etc,

Il gioco della vita o lo giochi a modo tuo o muori aspettando di morire e non e' il mio caso.

All'improvviso la maglieria ha cambiato posizione non e' più un supporto per aiutare gli altri come era diventata negli ultimi 10 anni svuotandomi di ogni attrattiva per il creare ma si e' risvegliata dentro me la voglia incredibile di giocare perchè per me il gioco non è mai esistito, venivo sgridata se perdevo tempo, non dagli altri ma da me stessa.

La maglieria come gioco estemporaneo di quello che mi va di fare, i fili sono il colore del pittore, le note del musicista, io posso danzare nella maglieria perchè ne sono in grado e ne ho le capacità serve solo liberare la mente dalle oppressioni di un passato di doveri e sofferenze e di un futuro che vedo pieno di malanni e blocchi mentali .

Ma chi se ne frega mi ripeto da giorni, io metto in movimento la parte che ho acquietato nel tempo che nemmeno conosco quella giocosa e piena di energia creativa....devo solo risvegliarla perchè e' intattata lo so, l'ho solo coperta con un velo come se non me lo meritassi perchè sono sopravvissuta alla morte di tutti quelli che amavo e sono così cieca di non vedere che l'amore l'avevo creato io facendomi amare.

Nessuno ama senza creare la forma d'amore che vuoi ecco io ho deciso che vale la pena creare tanto amore per me per scoprire cosa sono oggi.

Vado che creare l'amore per me, non mi sarà facile, non l'ho mai fatto.



[ commenta ]   |  permalink  |  riferimento  |   ( 3.1 / 8 )
Blu vanise' 
Due filati che insieme potevano andare, un cotone con lurex un mohair classico fino e uno schema manuale di punti tuck.

L'idea del modello ti viene vedendo tua figlia che si mette il coprispalle di lana per studiare perche' per i termosifoni è presto l'accensione, tira vento di scirocco e piove.

Glielo sfilo di dosso e prendo le misure, nascerà un'altra cosa rispetto all'originale, ma mi attivo a farlo nascere.

Nella mia vita va sempre così quando costruisco qualcosa, osservo le necessità e cosa mi circonda per metterle in pratica.

Mentre seleziono aghi lo sa il mio cuore di essere preoccupato su tanti fronti, ma continuo a selezionare aghi, lo so che l'attenzione al modello scioglierà i nodi dei miei pensieri.

Il risveglio con la pioggia e il vento, il dietro sul manichino della mantella e ho sciolto i nodi dei miei pensieri.

Funziona sempre liberare la mente per dare nuovi impulsi.

Ho capito che è finito il tempo del costruire per mostrare una strada tanto nella vita privata che nella maglieria, quello che funziona per me non è detto che sia giusto per gli altri.

Gli altri chi sono? Ogni persona con cui vengo in contatto, non riesco ad essere la fredda snob di me ne frego di quello che mi circonda, perchè la mia natura è amorevole verso ogni forma di vita, ma facciamo stop o io mi anniento senza vedere risultati.

Non dico ognuno per se e Dio per tutti, ma nella mia vita è tempo di mettermi in finestra e osservare, almeno fino a quando lo reputo necessario.

Ho sempre pensato che se smetto di combattere e mostrare le cose si fermino anche per me, faccio la prova o recupero la voglia di fare o ci prendo gusto e mi metto a fare il pensionato che osserva gli altri lavorare.

Nuovo cambiamento, dice che il blu è il colore della pace e della raggiunta sicurezza di se sarà per questo che ultimamente mi piace tanto come colore?

Vado ad osservare ancora pochi progetti nel forum e poi fermerò la presunzione di indicare la strada anche nella maglieria, torno a creare per il piacere di creare ma prima dono le basi di partenza secondo me, poi via ad anno nuovo verso nuovi lidi e cambiamenti!:)




[ commenta ]   |  permalink  |  riferimento  |   ( 3.2 / 16 )
Sono io 
La confusione nasce quando si perde il collegamento con se stessi, con quello che sei, che non è uguale a nessun altro, si nasce soli, si vive soli e si muore soli.

Non lo reputo un male ma un bene, la strada è singola, ognuno la sua storia, le sue origini, i suoi doni ed e' questo che rende l'umanità speciale.

Il colore della pelle, lo stato sociale, la cultura, ognuno la sua se resti connesso con la tua vita tutto il resto è sfuocato ma al centro c'e' la tua storia e nessuno sa veramente come sia solo tu.

Mi sono svegliata felice, mi prendo un attimo per parlare con me niente è più affascinante che stare con se stessi e ritrovare in quello scrigno segreto che si chiama per me anima, il senso della vita.

Stop serve un altro colloquio perchè tutte le risposte sono dentro di me e solo io so interpretarle e leggerle e il resto del mondo e' un caledeoscopio di persone che vivono la loro di storia, ognuno con le sue forze e i suoi guai.

Io non me la sento di essere diversa da come sono, di vivere diversamente dai miei principi, che ho formato negli anni sarebbe come rinnegare la propria identità, io esisto, io sono la mia storia che tutto sommato trovo bella e d'insegnamento.

Un caro saluto ai morti che hanno contribuito a farmi diventare nel bene e nel male quella che sono ma io sono quello che la mia anima sa di essere, filosoficamente mi rimbocco le maniche nella mia storia a modo mio perchè nessuno ha la visione giusta, solo la sua visione ma quello fa la differenza fra essere infelice e triste oppure serena.

La maglieria e' una parte importante di me, il modo in cui la mia anima generosa allevia la sua e di riflesso la vita degli altri, ma sono infinitamente di più e sopratutto una gran voglia di vivere nella mia storia con me perchè prima o poi perdiamo il potere del denaro, le case, la macchina, i vestiti, e resti nudo e solo ma se non perdi il colloquio con quello che sei vivi bene!





[ commenta ]   |  permalink  |  riferimento  |   ( 2.9 / 17 )

Altre notizie