Emozioni 
Il vaso di roselline arancioni arrivato per la festa della mamma si piegava sotto il numero di fiori aperti e mi sono detta che non sarebbe sopravvissuta, gonfiata dai preparati appositi pensavo che alla fine sarebbe morta dopo una fioritura del genere.

Ho tagliato ogni rosellina che sfioriva, innaffiata messa all'angolo riparato del balcone, non ho fatto altro io, che curarla ogni giorno per qualche attimo.

E0 cresciuta alta e forte in un vaso piccolo all'ombra con i 40 gradi estivi ma non ha mai smesso di regalarmi roselline di una bellezza unica...ho solo curato cio' che non volevo perdere,

In tutte le cose va così, se le curi se ci metti un pizzico d'amore tutto prende vita e ti ripaga se sai tenere gli occhi aperti e cuore aperto ne vedi i frutti.

Metto le banconote in mano a mio figlio che pagherà l'abbonamento dei siti che sono diventati 3, il terzo lo trovo particolare appena nato un prolungamento delle creazioni-or, mi sono fatta le ossa nei forum cercando di mostrare con progetti come fare e di testare l'interesse delle persone per curare la maglieria come la rosa del balcone.

Dice che mica tutti hanno la mia passione, ma io mica sapevo di averla, e' stato all'inizio un modo per esistere oltre la famiglia, per recuperare forze nelle lotte di ogni giorno, l'ho scoperta la passione un po' al giorno e' cresciuta esponenzialmente con la conoscenza e a me questo piace mostrare la conoscenza di un mondo che a parte farti risparmiare denaro ti fa sentire unica perche' quello che indossi o regali nasce da te come un figlio.

Ho incontrato di tutto nel web, ogni tipo di reazione umana spesso quelle negative ma sono china a creare per far tornare dentro di me forte la voglia di mostrare ancora per un limitato numero di persone ma che abbiano la voglia di scoprire la gioia che può donarti una macchina, ma con calma e senza fretta prima devo recuperare io la voglia di dare e mostrare e quella la trovo come con la rosellina curando ogni giorno la mia creatività!







[ commenta ]   |  permalink  |  riferimento  |   ( 3.2 / 11 )
Pensiero positivo 
Leggi, ascolti notizie sembra che di buono non ci sia nulla su nessun fronte angoscia nell'animo, che spreco la vita secondo me vissuta a farsi male e a far male, distruggere non porta mai a niente.

Il vento improvviso 10 gradi in meno in un quarto d'ora tu te ne vai a macchina perche' ti viene l'angoscia delle difficoltè, poi l'idea prende vita e porti il manichino sul terrazzo per una foto per i social e ti fermi e ti incanti la luna al centro del cielo davanti a te, a destra un tramonto oro da perderci dentro l'anima e sorridi, se sul pianeta terra sembra tutto brutto lassù dove agli uomini non e' concesso imbruttire nulla e' tutto talmente perfetto che riprendi vita e ti animi pensando che le notizie brutte saranno un centinaio al giorno ma le persone quiete e oneste sono di più e sono sempre al lavoro.

Mi piace trasformare i fili colorati, unirli, mischie improbabili che poi si rivelano un dolce attimo di piacere mentre li lavori, ho bisogno a fine giornata di vedere il frutto del mio lavoro, per non pensare di non aver costruito nulla, serve al mio spirito vedere le cose prendere vita.

La giovinezza si vive con l'occhio e le azioni di chi ha tanto tempo per fare, la vecchiaia ti mette le ali alle mani se sei assetata di capire cosa si nasconda dentro te e intanto ti attivi per regalare momenti come i tuoi agli altri e ti senti meno prigioniera del nulla!



[ commenta ]   |  permalink  |  riferimento  |   ( 3 / 10 )
Sette anni 
Sette anni fa di questi giorni crollava la mia vita almeno per come l'avevo costruita, a me sembrano passate 7 ore da un lato, dall'altro e' come averne vissuti 70 per le esperienze vissute a combattere la ricostruzione e il salvataggio di quello che potevo della vita precedente.

Ogni anno di questi tempi per non pensare il mio corpo si inventava un malanno fastidioso così presa a dovermi curare e a sopportare dolore fisico non sentivo quello del cuore, anche quest'anno mi sono impegnata ma una parte di me si e' ribellata e sono in via di guarigione prima del periodo che va dal 10 al 13, dove si sono concentrate le morti di chi amavo con tutto l'anima, madre e marito e ovvio senza togliere nulla a mia suocera che ha avuto un gran ruolo nella mia vita.

Eh si, ci vogliono profondi mutamenti nell'animo per superare i grandi cambiamenti, se non cambi tu niente cambia e vai a fondo.

La vita e' un gran dono me ne accorgo ora quando osservo con amore quello che mi circonda e penso che a breve lo perderò e allora ti ci immergi nella speranza di farlo durare a lungo.

Anche nella maglieria sta succedendo la stessa cosa, la paura che il mio corpo che perde costantemente forze mi abbandoni e io non possa più creare e allora mi si e' scatenata una gran fretta, cercare di fare cose che abbiano un immediato riscontro visivo finale, che mi aiutino a liberare la mente dalle paure della mia fragilità negli anni a venire e mi godo l'attimo presente perche' a me di partire per il momento proprio non mi va.

Mi ha salvata la passione per le cose che le mie mani e mente sanno creare ma si e' fatto chiaro strada facendo in questi duemila e svariati giorni che la strada e' la mia, che il filo e' il mio desiderio di esistere, che da quando si esce dal corpo di mamma all'ultimo respiro sono io a decidere che strade utilizzare anche se i segnali stradali sono potenti e a volte ci sono dei divieti di accesso e alla fine sono qui, con la piena coscienza che se non mi ascolto svanisco nell'oblio della vita di altri e serenamente e quietamente vivo semplicemente vivo alla giornata con lo stupore di ogni cosa che succeda anche se non mi sono impegnata a volerlo, ci sono e ne godo appieno, problemi e paure sono lo stop come ad un passaggio a livello le sbarre ma prima o poi si alzano e il treno passa oltre basta avere la pazienza con se stessi di superare l'attimo di smarrimento e la strada prosegue.

Amo la mia vita di prima, grata ai genitori, al marito a tutti coloro che nel bene e nel male hanno contribuito ma sono pronta con la saggezza e il bagaglio delle mie esperienze a godermi con me per me, con occhio attento agli altri, a vivere il nuovo tempo, le sbarre si sono alzate, voglio capire cosa ci sia oltre i binari!





[ commenta ]   |  permalink  |  riferimento  |   ( 3 / 10 )
Attesa 
Quello che dipende da me prende vita al mio volere, quello che non posso gestire va con i tempi degli altri.

Se potessi tornare indietro farei in modo di non dipendere da nessuno su nessun fronte, ma dovrei nascere in un'altra dimensione, in questa nessuno si può dire assolutamente in grado di non aver bisogno degli altri.

Anche la regina ha bisogno della vicina ripete il detto da decenni e credo che sia vero per tutti, siamo tutti connessi nelle nostre attività e abbiamo bisogno dell'altro anche per gestire le emozioni, io ho bisogno del mio amministratore di sistema che mi sistemi, appunto come dice il nome; un po' di cose con la tecnologia dei siti nel web.

Attendo fiduciosa che quando i figli si formano una famiglia gli impegni sono tanti ma tanto non avviene niente se non nel momento in cui siamo pronti ad affrontarlo, ne ho esperienza diretta e lo dico con convinzione.

Alle volte penso che era meglio che avessi fatto altro ma ora sono in gioco e voglio giocare ma devo attendere per iniziare.

Il caldo afoso dei pomeriggi non aiuta ma io intanto mi porto avanti con cose invernali da scambiare a baratto ma l'ultima nata e' mia per andare a macchina nei giorni freddi invernali con le spalle coperte e le mani libere.

Attendo ma non sto ferma !


[ commenta ]   |  permalink  |  riferimento  |   ( 3 / 10 )
Poi comprendi 
Il passaggio al terzo tempo come lo chiamo io, quello dopo i 60 credo che sia paragonabile all'adolescenza o meglio per me che sono stata un'adolescente da imposizioni, ferma, zitta che sei femmina e quindi non puoi fare niente e' un gran bel vivere.

Ho impiegato anni di lotte a non voler accettare il passaggio al terzo tempo, a saperlo prima che era così bello mi sarei risparmiata un sacco di energie nel voler rimanere eternamente a disposizione degli altri per non sentirmi vecchia e messa da parte.

Ragazzi che meraviglia vedere i miei 64 anni pieni di me, scoprire i miei doni, aver imparato a gestire le paure e le ansie ed essermi arresa (si fa per dire) alla vita, semplicemente ho capito che scrivo io i miei passi.

Una vita di sissignore e poi ho avuto la paura di non sapermi gestire, non mi conoscevo o meglio sapevo chi in relazione ai ruoli che dovevo ricoprire e li ho eseguiti bene i compiti del momento, poi sono rimasta sola a dovermi difendere dagli altri che pensavano di gestire la mia vita e ora sono quietamente libera e serena di esistere con tutte le preoccupazioni e le ansie del caso ma vivo con me e credetemi e' il massimo della libertà emozionale e fisica.

Il baratto siamo io e lui a divertirci in questo momento, scambiare il mio lavoro con altri prodotti, e chi ci aveva mai pensato sempre a sentirmi dire che se guadagnavo un centesimo mettevo in pericolo lo stipendio del marito, poi la pensione sempre tutti a ripetermi di stare ferma commercialista compreso.

Ferma che sei femmina, ferma che hai una famiglia a cui badare, ferma che tanto non conviene, ferma non muoverti e ho mostrato a migliaia di donne e molti uomini che io anche da ferma sapevo costruire e ho creato il mondo della maglia a macchina on line e poi l'idea fulminante torno indietro nella storia a quando la moneta non era nata e ognuno si scambiava quello che poteva a necessità (riveduto e corretto al passo con i tempi ma in regola con la legge).

Le mani e la mente hanno preso vita intenzionati a chiudere un'esistenza dimostrandomi che si non smuovo denaro ma sono capace di muovere oggetti non dire mai a me che sono finita che sono femmina, che sono stupida perchè sono infinitamente altro e quietamente mi godo il terzo e ultimo tempo della mia vita, che duri un giorno o 30 anni non ha importanza, io mi succhio l'attimo e godo di me della gioia di esistere che mica lo so se mi sarà concesso un altro viaggio su questa terra !



[ commenta ]   |  permalink  |  riferimento  |   ( 3 / 15 )

Altre notizie